Ti trovi in: "L'Angelo del Cuore" >

"L'Angelo del Cuore"

L'Angelo del Cuore - Dislocazione defibrillatori semi-automatici

La conferenza stampa svoltasi nella mattinata di Giovedì 24 Ottobre ha chiuso la seconda e ultima fase del progetto “L’Angelo del Cuore”, un’iniziativa lanciata dalla Protezione Civile “Beta91” di Monte Compatri in collaborazione con l’ARES118. Quest’ultima, infatti, ha aderito immediatamente al progetto e ha formato gratuitamente addetti per l’utilizzo dei defibrillatori semi-automatici.

Alla conferenza stampa ha partecipato il Sindaco di Monte Compatri, Marco De Carolis; il Responsabile della Protezione Civile, Maurizio Massaro; e il Dirigente medico Ares 118, Paolo Quintarelli.

 

“Nella conferenza stampa di questa mattina – spiega il primo cittadino Marco De Carolis – abbiamo distribuito due mappe nelle quali sono evidenziate la dislocazione dei dieci defibrillatori nel territorio. Nel corso degli anni gli Enti pubblici individuati dalle normative del 2001 che permettono l’uso di strumenti medici anche a personale non sanitario si sono attivati per l’acquisto e la distribuzione di DAE formando migliaia di addetti all’uso”.

 

Queste le postazioni dei defibrillatori nel centro storico di Monte Compatri:

postazione fissa – Farmacia Mayro (Piazza Marco Mastrofini 25);
postazione fissa – Centro Anziani (Via Campogillaro);
postazione fisse – Scuola Elementare (Via Alfredo Serranti);
postazione fissa – Stadio Comunale;
postazione fisse – Comando Polizia Locale;
postazione mobile con DAE a bordo dell’automezzo di servizio dei Carabinieri della stazione di Monte Compatri;
postazione mobile con DAE a bordo dell’automezzo della Protezione Civile “Beta91”;
postazione mobile con DAE a bordo dell’ambulanza della C.R.I. di Monte Compatri.


Queste, invece, le postazioni nella frazione di Laghetto:

postazione fissa – Scuola Elementare (Via delle Marmorelle);
postazione fissa – Centro Anziani (Via Lago di Nemi).


“Desidero ringraziare tutti coloro che hanno aderito al progetto “L’Angelo del Cuore” e hanno reso fattibile la sua attuazione – conclude il Sindaco di Monte Compatri. – L’obiettivo primario di questa iniziativa è senza dubbio quello di sensibilizzare la nostra cittadinanza verso tematiche sanitarie ma soprattutto quello di salvare vite umane attraverso un pronto intervento assistito da una distribuzione strategica e capillare di dispositivi sanitari”.

 

Che cos’è il defibrillatore DAE

Il defibrillatore semi-automatico (spesso abbreviato con DAE, defibrillatore automatico esterno, o AED, automated external defibrillator) è un dispositivo in grado di effettuare la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore in maniera sicura, vista la dotazione di sensori per riconoscere l’arresto cardiaco causato da aritmie, fibrillazione ventricolare e tachicardia ventricolare.

Nei casi sopra elencati il defibrillatore determina automaticamente se è necessaria una scarica e seleziona il livello di energia necessario. L’utente che lo manovra non ha la possibilità di forzare la scarica quando il dispositivo segnala che questa non è necessaria.

Il funzionamento avviene per mezzo dell’applicazione di piastre adesive sul petto del paziente. Quando tali elettrodi vengono applicati al paziente, il dispositivo controlla il ritmo cardiaco e, se necessario, si carica e si predispone per la scarica. Quando il defibrillatore è carico, per mezzo di una altoparlante, fornisce le istruzioni all’utente, ricordando che nessuno deve toccare il paziente e che è necessario premere un pulsante per erogare la scarica.

Dopo ciascuna scarica il defibrillatore si mette in “attesa” e dopo due minuti (circa 5 cicli di RCP) analizza il ritmo cardiaco e, se necessario, effettua nuovamente la scarica.

All’interno del DAE è presente una piccola scatola nera e, sin dall’accensione, registra tutti i rumori ambientali e l’elettrocardiogramma del paziente.



img

Allegati  (3)

arrow2.png
pdfAllegato 1
837.91 KB
pdfAllegato 1
430.65 KB
pdfAllegato 1
166.74 KB

Condividi