Esplora contenuti correlati

 

Accademia della P.A., il Responsabile del Procedimento: tutto esaurito per la terza giornata formativa a Monte Compatri

Oltre cento iscritti provenienti da 21 diversi Comuni della Provincia di Roma e della Regione Lazio, con sette diversi enti rappresentati per la lezione sul Rup

 
Accademia della P.A., il Responsabile del Procedimento: tutto esaurito per la terza giornata formativa a Monte Compatri
 

Tutto esaurito per la terza giornata formativa dell’Accademia della P.A. di Monte Compatri: oltre cento iscritti provenienti da 21 diversi Comuni della Provincia di Roma e della Regione Lazio, con sette diversi enti rappresentati. Dipendenti pubblici che, nella mattinata di martedì 6 novembre, hanno affollato la sala consiliare di Tinello Borghese per ascoltare la lezione tenuta da Adriano Marini, già segretario generale, sul responsabile unico del procedimento.

Come sottolineato dal relatore Marini, durante il corso organizzato da Gazzetta Amministrativa della Repubblica italiana (Gari) in collaborazione con il Comune di Monte Compatri e Anci Lazio, la “legge 241 impone organizzazioni basate, per quanto è possibile, sul principio dell’unità del procedimento amministrativo, con conseguente unicità della struttura competente e del Responsabile, che deve seguire il procedimento in tutti i suoi aspetti: amministrativi, tecnici, finanziari. Ovviamente usando come stella polare i criteri di economicità, di efficacia, di imparzialità, di pubblicità e di trasparenza secondo le modalità previste dalla legge”.

“Ogni provvedimento amministrativo deve essere motivato. L’introduzione della figura del Responsabile del procedimento ha rapresentato una grande innovazione nel diritto amministrativo; costituendo garanzia di responsabilizzazione e trasparenza”, spiega il presidente di Gari Enrico Michetti.

“È necessario tenere ben distinto il concetto di responsabilità organizzativa (organizzazione del personale e degli uffici), che è propria solo dei Dirigenti, da quella procedimentale (per ciascun procedimento, appunto), che può far capo al Dirigente o ad altri soggetti. Fino a quando non sia effettuata tale assegnazione, è considerato Responsabile del singolo procedimento il dirigente/funzionario preposto all’unità organizzativa”, specifica ancora Marini.

Nel corso della giornata formativa sono state ricordate le azioni del Rup: valutazione, ai fini istruttori, delle condizioni di ammissibilità; accertamento di ufficio di fatti, con adozione di ogni misura per l'adeguato e sollecito svolgimento dell'istruttoria; indizione delle conferenze di servizi. In sostanza cura la programmazione, la progettazione, l’affidamento e l’esecuzione di un’opera. Le sue funzioni non possono essere svolte da chi si trovi in conflitto di interessi; da chi è stato condannato, anche con sentenza non passata in giudicato, per reati contro la Pubblica Amministrazione.