Esplora contenuti correlati

 

Imu e Tasi, il 17 giugno scade il primo acconto

Previste delle detrazioni

 
Imu e Tasi, il 17 giugno scade il primo acconto
 

Entro il 17 GIUGNO 2019 deve essere effettuato il versamento del PRIMO ACCONTO dell’imposta municipale propria (IMU) e della tassa sui servizi indivisibili (TASI) dovute per l’anno 2019.

La legge di stabilità 2016 prevede all’art. 1 comma 10 un ulteriore caso di riduzione della base

imponibile IMU, oltre a quello previsto per gli immobili inagibili o inabitabili.

Tale valore è ridotto al 50% per le unità immobiliari, fatta eccezione per quelle classificate nelle

categorie catastali A1/A8/A9, concesse in comodato dal soggetto passivo (comodante) ai parenti in

linea retta entro il primo grado, vale a dire genitori e figli (comodatari), che le utilizzano come

abitazione principale.

La stessa norma prevede come ulteriori condizioni per poter beneficiare della riduzione che:

· Il contratto sia registrato,

· Il comodante possieda un solo immobile ad uso abitativo in Italia,

· Il comodante risieda anagraficamente nonché dimori abitualmente nello stesso Comune in

cui è situato l’immobile concesso in comodato.

Il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante, oltre all’immobile concesso in comodato,

possieda nello stesso Comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione sempre delle unità abitative classificate nelle categorie catastali A1/A8/A9.

A partire da quest’anno la riduzione del 50% della base imponibile si estende al coniuge del comodatario, in caso di decesso di quest’ultimo, in presenza di figli minori.

Ai fini dell’applicazione dell’agevolazione sul comodato prevista dalla Legge di Stabilità 2016, il

soggetto passivo dovrà compilare la relativa Dichiarazione IMU entro i termini di legge.

L’applicazione della riduzione del 50% della base imponibile e l’utilizzo dell’aliquota agevolata  8,4 per mille sono tra loro alternative, quindi, chi utilizza la prima non può usufruire della seconda e viceversa.

 

Vi ricordiamo che accedendo al sito http://www.comune.montecompatri.rm.gov.it/home è possibile

trovare nella sezione - servizi / calcolo imu - il link al sito amministrazioni comunali.it , con cui potranno essere agevolmente svolte tutte le procedure di calcolo.

 

Il nostro codice comune è F477.