Esplora contenuti correlati

 

Premio Città di Monte Compatri, la compagnia 'Gruppo comico A4 si aggiudica l'undicesima edizione del festival di teatro

La Kermesse, organizzata da Photo Club Controluce e patrocinata dall'amministrazione comunale, si è chiusa domenica 14 luglio nella cornice del parco Karol Wojtyla

 
Premio Città di Monte Compatri, la compagnia 'Gruppo comico A4 si aggiudica l'undicesima edizione del festival di teatro
 

Gradimento del pubblico e della giuria, per il premio Città di Monte Compatri, a “Ulissea” di Enrico Paris, portata in scena dalla compagnia teatrale “Gruppo comico A4” di Roma. Si chiude così l’undicesima rassegna del festival di teatro amatoriale organizzato da Photo Club Notizie in Controlucecon il patrocinio dell’amministrazione comunale.

“Nel mondo della realtà virtuale, lo dico da sindaco che comunica anche e soprattutto sui e attraverso i social; questo contesto ci riporta al reale, con un pubblico che apprezza e vuole partecipare. Soprattutto perché senza pubblico, non c’è spettacolo. 
Sono tutti degni di un premio: gli organizzatori del festival, Armando Guidonie Tarquinio Minotti che guidano la loro associazione, e le compagnie teatrali che si sono sfidate in una manifestazione intensa che ha raddoppiato le sue serate. Un momento per analizzare e apprezzare tutte le sfaccettature di due forme di cultura: teatro e cinema”, dichiara il sindaco di Monte Compatri, Fabio D'Acuti, prima della cerimonia di premiazione.

“Dopo undici anni; vedere che un’intuizione fa nascere una propria creatura culturale, che cresce e migliora nel corso del tempo, non può non essere una soddisfazione. 
Da un’idea, è nato un percorso che oggi merita un salto di qualità: magari anche grazie al supporto economico di enti sovra-comunali, in quanto questa è una manifestazione totalmente finanziata dall’amministrazione comunale di Monte Compatri”, spiega il vicesindaco Mauro Ansovini.

“Le buone idee – dichiara il delegato alla Cultura Pietro Mazzarini – vanno supportate e aiutate. Per questo non potevamo non portare avanti questa manifestazione che parla la lingua della cultura. 
È bene sottolineare che non tutti i Comuni hanno la capacità economica e di capitale umano per aiutare un’associazione nella realizzazione di un simile evento. 
Grazie soprattutto ad Armando Guidoni e Tarquinio Minotti, vere anime di dieci serate all’insegna dello spettacolo Grazie anche ai volontari della Protezione Civile beta 91 Monte Compatri, per aver vegliato sulla nostra sicurezza.
Arrivederci al prossimo anno”.