Esplora contenuti correlati

 

Scuola, l'augurio del Sindaco D'Acuti: "Con lo zaino in spalla e il coraggio degli esploratori"

Il primo cittadino di Monte Compatri scrive agli alunni e ai docenti in vista del nuovo anno didattico

 
Scuola, l'augurio del Sindaco D'Acuti: "Con lo zaino in spalla e il coraggio degli esploratori"
 

"Come due novelle esploratrici, preparate lo zainetto. E io vi guardo mentre siete già pronte per questa nuova avventura. Vi vedo, da un lato combattute tra l’entusiasmo del nuovo inizio e l’ansia del ritorno.
Vorrei dirvi, ma non lo farò, di rallentare: perché sbagliare e imparare dai propri errori significa avere talento.
Io mi godo questi momenti da padre, che pensa alle sue due figlie pronte a iniziare il nuovo anno scolastico. Ma che non dimentica come da sindaco sente il peso della responsabilità di oltre mille alunni che siedono sui banchi dei plessi di Monte Compatri.

A voi, care ragazze e cari ragazzi, vorrei ricordare di sorridere e mettere nel vostro zaino solo quello di cui avete sul serio bisogno: curiosità, vivacità e impegno.
C’è tempo per diventare grandi, ma parte di quel percorso lo riprenderete o inizierete proprio da queste ore, in cui siete chiamati dalla campanella che suona.

A voi, studenti, voglio suggerire che è importante diventare capofila ma negli ultimi banchi si ride più: imparate a far coesistere e convivere queste vostre esigenze.
Vorrei consigliarvi di avere cura delle cose, soprattutto quelle che la dirigenza scolastica e i docenti metteranno a vostra disposizione nelle aule. Non affannatevi per gli errori: la scuola vi darà il tempo di capire e correggerli. Fidatevi di lei.

Qualcuno di voi imparerà a scrivere o disegnare altri torneranno a farlo: fatelo nei ‘bordi’, che i vostri maestri stabiliscono, ma continuando a metterci l’anima e lo spirito dell’esploratore. Qualcuno di voi scoprirà l’alfabeto, altri giocheranno con le sue combinazioni o con quelle dei numeri: sperimentate, sempre.

Ricordate che tolleranza, accoglienza, solidarietà e comprensione devono essere le vostre linee guida.
Lo so, fino a pochi giorni fa gli unici pensieri erano il gioco, la libertà e la spensieratezza: da oggi vi peserà tornerà a scuola, non solo per colpa dello zaino sulle spalle. Ma pensate a questi momenti come un cammino verso il nuovo. Di cui mai dovete aver paura.

A voi, docenti guidati dalla dirigenza scolastica, forza: non è semplice la vostra missione di formare i cittadini del futuro. A voi, genitori, chiedo pazienza: ricordiamoci che gli insegnanti non siamo noi.

A voi, tutti: buona scuola!", scrive su facebook il sindaco di Monte Compatri, Fabio D'Acuti.