Esplora contenuti correlati

 

EVASIONE, L’ASSESSORE DI FRANCO: “PER LA RISCOSSIONE DI IMU E TARI PIÙ POTERI AI COMUNI: ERA ORA”

Una banca dati per aiutare gli enti locali nel recupero di tasse e tributi comunali non pagati

 
EVASIONE, L’ASSESSORE DI FRANCO: “PER LA RISCOSSIONE DI IMU E TARI PIÙ POTERI AI COMUNI: ERA ORA”
 

 

 “Era ora. Finalmente una indiscrezione che potrebbe diventare buona notizia per gli amministratori. Fino ad oggi, infatti, sindaci e assessori non avevano strumenti seri per contrastare l’evasione, soprattutto per Imu e Tari. Tra accertamenti, iscrizioni a ruolo e attività di recupero non era mai facile recuparerare le quote mai pagate dei tributi e delle tariffe comunali. Dopo l’ingiunzione, il governo nazionale punta a fornire agli enti locali una forma di accertamento esecutivo come quello che opera su Irpef e Iva e che permette un accesso più diretto alle banche dati per aggredire il patrimonio dell’evasore”, dichiara l’assessore al Bilancio, @Adriano Di Franco.

“È quello che il primo cittadino del @Comune di Monte Compatri, @Fabio D’Acuti Sindaco, ha chiesto al ministero dell’Economia e delle Finanze e all’Agenzia delle Entrate, lo scorso anno, per continuare con le attività di recupero di Tari e Imu, dopo le ingiunzioni che abbiamo presentato a chi non aveva saldato la propria cartella. Un’attività che aveva riportato nelle casse di Palazzo Borghese, oltre 100mila euro di evasione. Adesso non resta che attendere che l’indiscrezione pubblicata su ilSole 24 ore, si trasformi, nei prossimi Consigli dei Ministri in una proposta di legge che aiuti sul serio i Comuni, come il nostro, che nel corso degli anni ha visto i trasferimenti statali ridursi per oltre il 50%”, conclude @Adriano Di Franco asss