Esplora contenuti correlati

 

REMIDA, IL PROGETTO EUROPEO DEL CONSORZIO RO.MA. PRENDE IL VIA CON I MEETING DI MONTE COMPATRI

Il 7 e l'8 novembre presso la sede di via Leandro Ciuffa 85

 
REMIDA, IL PROGETTO EUROPEO DEL CONSORZIO RO.MA. PRENDE IL VIA CON I MEETING DI MONTE COMPATRI
 

“Contrastare il problema dell’esclusione socio-lavorativa degli adulti over 45 in condizioni di svantaggio: è questo l’obiettivo del progetto Remida, con capofila il Consorzio Ro.Ma, che il 7 e l’8 novembre 2019 presso la sede di Monte Compatri (in via Leandro Ciuffa 85) darà il via ai lavori.

Il Consorzio è stato ammesso al finanziamento UE in ambito Erasmus Plus Programme, azione KA2, Partenariati Strategici per l’innovazione e lo scambio di buone pratiche nell’ambito della formazione continua. Un risultato importantissimo che, ancora una volta, testimonia quanto sia grande l’impegno dell’ente nella valorizzazione delle risorse umane e nella ricerca di soluzioni formative inclusive, dedicate alle fasce più deboli”, dichiara la delegata a Scuola e Servizi Sociali, Laura Del Signore.

 

ll progetto R.E.M.I.D.A. intende contribuire a contrastare il problema dell’esclusione socio-lavorativa degli adulti over 45 in condizioni di svantaggio, allineandosi alle azioni messe in atto dagli Stati membri. Oggi più che mai, infatti, la disoccupazione nella fascia di età più adulta rischia di cristallizzarsi nel tempo, anche perché si tratta spesso di lavoratori poco istruiti, con basse qualifiche o con qualifiche e competenze non aggiornate. Sono pertanto fondamentali le azioni a sostegno dell’inclusione socio-lavorativa del target degli adulti over 45 a rischio, uomini, ma ancor di più, donne.

 
Il progetto avrà come obiettivi specifici: la definizione di un modello innovativo di intervento per l’empowerment personale (consapevolezza di sé), il supporto ai processi europei di valorizzazione delle competenze/capacità informali e non formali  e attività di upskilling (riqualificazione) degli operatori dei centri di educazione degli adulti, impegnati in attività di supporto.

Sarà un lavoro lungo e impegnativo, ma anche molto stimolante dal punto di vista della ricerca e della sperimentazione di nuove metodologie di valutazione e valorizzazione, volte a contrastare la fuoriuscita occupazionale degli adulti, evento traumatico che innesca reazioni a catena sui familiari difficili da monitorare e da gestire.

 

Hanno collaborato con il Consorzio Ro.Ma. alla realizzazione del progetto altri otto partner : Agenfap Soc. Coop. (Italia),  Balgarska Agentsiya za Razvitie (Bulgari), Inercia Digital (Spagna),Razvojno  Izobrazevalni Center Novomesto (Slovenia), Centrum Ksztalcenia Ustawicznego nr 2  (Polonia), Asociatia Centrul European pentru Integrare Socioprofesionala – ACTA (Romania), EPRALIMA – Escola Profissional do Alto Lima (Portogallo), Hellenic Open University ( Grecia).

 

Le delegazioni saranno tutte presenti al meeting e continueranno ad incontrarsi, di tanto in tanto, per fare il punto sullo stato dei lavori, che si completeranno tra circa due anni.

Molto interessante la metodologia che si è scelto di utilizzare - il modello del Lego Serius Play – che attraverso il gioco favorisce l’assessment (valutazione) e l’orientamento degli adulti, con l’obiettivo di sviluppare pensiero creativo e processi comunicativi indispensabili per trovare soluzioni a problemi complessi.

 

“Il tutto finalizzato al raggiungimento di un unico macro-obiettivo : generare un impatto positivo  sugli adulti in situazione di svantaggio per accrescere le loro opportunità di inclusione sociale e lavorativa, di (re)inserimento nei processi di partecipazione attiva e nel mercato del lavoro, valorizzando le loro esperienze di vita, aumentando la loro autostima e la loro consapevolezza e proattività”, conclude la delegata a Scuola e Servizi sociali del Comune di Monte Compatri, Laura Del Signore.