Esplora contenuti correlati

 

SCUOLA, D’ACUTI – DEL SIGNORE: “VIOLAZIONE DELLA PRIVACY: L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PRENDE LE DISTANZE DA MORICONI. SUL TPL PER DISABILI CI SIAMO GIÀ ATTIVATI”

L'amministrazione comunale non condivide la scelta di una consigliera di aver pronunciato i nomi di minori nel corso dell'assise di martedì 12 novembre

 
SCUOLA, D’ACUTI – DEL SIGNORE: “VIOLAZIONE DELLA PRIVACY: L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE PRENDE LE DISTANZE DA MORICONI. SUL TPL PER DISABILI CI SIAMO GIÀ ATTIVATI”
 

“Mai era accaduto, in tutti questi anni di Consigli comunali a Monte Compatri, di assistere a una violazione della privacy con contestuale rivelazione di dati sensibili relativi a due minori.
Un comportamento, messo in scena da Irene Moriconi, nel corso della lettura della sua interrogazione sul trasporto pubblico, nel corso dell’assise di martedì 12 novembre che condanniamo e da cui prendiamo le distanze”, dichiarano in una nota congiunta il primo cittadino Fabio D'Acuti e la delegata ai Servizi sociali e scuola, Laura Del Signore.

“Durante il suo intervento, infatti, Moriconi per ben due volte ha pronunciato i nomi di bambini e dei rispettivi genitori; facendo riferimento a notizie che nulla potevano aggiungere al dibattito dell’Aula ma che rischiano di essere lesivi della dignità dei diretti interessati.
Per questo motivo, in considerazione del fatto che le frasi della consigliera sono state trasmesse in diretta streaming, live condiviso sui canali del @Comune di Monte Compatri, l’amministrazione comunale prende le distanze da quanto affermato da Moriconi, che deve assumersi la responsabilità della violazione perpetrata ieri.
Ancora più sconvolgente il fatto che un presidente del Consiglio comunale, imparziale a corrente alternata, non si sia neppure degnato di censurare il comportamento della stessa per salvaguardare i minori coinvolti. Nella revisione del video, abbiamo già chiesto di coprire i nomi con un segnale audio”, aggiungono D’Acuti e Del Signore.

“Infine, facciamo chiarezza: nessuna esclusione. Il trasporto degli alunni riguarderebbe le scuole secondarie di secondo grado, non obbligatorie, che non ricadono nel Comune di Monte Compatri. Questa amministrazione, il 30 agosto 2019, ha richiesto alla Regione Lazio, in ossequio alle linee guida regionali, l’accesso al contributo per garantire il servizio di tpl. Moriconi legga le carte e studi le norme per evitare di incorrere in nuove, per lei, sgradevoli situazioni”, concludono Fabio D'Acuti Sindaco e la delegata Laura Del Signore.