Esplora contenuti correlati

 

IL SINDACO D'ACUTI: "LE FOIBE E IL SACRIFICIO DI PALATUCCI: IL DOVERE DEL RICORDO"

Il Convegno organizzato presso la scuola Paolo Borsellino

 
IL SINDACO D'ACUTI: "LE FOIBE E IL SACRIFICIO DI PALATUCCI: IL DOVERE DEL RICORDO"
 

"È una storia delle terre di Fiume, Istria e Dalmazia ma è anche una storia italiana: le persone uccise e gettate nelle Foibe quelle costrette a lasciare la propria casa sono vicende che abbiamo il dovere di ricordare per capire da dove veniamo e dove vogliamo andare.
Sono sensibile a questa parte della storia perché io, a differenza vostra, non ho mai potuto studiare la questione fiumana: come se non parlare di tragedie ne possa cancellare il valore.

Terra, lingua, sovranità: questi tre elementi fanno una nazione. E di questo sono stati privati gli esuli costretti a lasciare le proprie case.

Una pulizia etnica, non ho il timore di definirla così perché questo è stato.

Affrontare un problema significa parlarne. E il ricordo è importante perché riguarda il nostro passato: quanto accaduto 70 anni fa poteva accadere in qualsiasi parte della nostra Italia.
Se non sai da dove vieni difficilmente si a dove andare.

Quella di oggi, è un'iniziativa che ci permette anche di conoscere la storia di Giovanni Palatucci, questore di Fiume.
Ringrazio Romeo Ciuffa per aver organizzato anche quest'anno un convegno così importante e la dirigenza scolastica sempre sensibili alla diffusione della conoscenza.

Perché sapere è potere", Fabio D'Acuti Sindaco.