Esplora contenuti correlati

 

CENTRI ESTIVI, STANZIATI 15MILA EURO PER TRE SETTIMANE DI ATTIVITÀ. AVVISO PUBBLICO PER LE ASSOCIAZIONI: SCADENZA DOMANDE IL 22 GIUGNO

Le richieste vanno depositate entro le ore 12:00 presso l'Urp in via Placido Martini 24

 
CENTRI ESTIVI, STANZIATI 15MILA EURO PER TRE SETTIMANE DI ATTIVITÀ. AVVISO PUBBLICO PER LE ASSOCIAZIONI: SCADENZA DOMANDE IL 22 GIUGNO
 

"L’emergenza Covid-19 ha inciso fortemente sulle nostre vite, soprattutto ha condizionato il benessere dei più piccoli: bambini e adolescenti, abituati agli scambi e agli incontri che invece sono stati costretti a restare chiusi in casa per oltre due mesi. Per questo organizzare i centri estivi nel 2020 si traduce con una opportunità di ritorno alla socialità, attraverso il gioco. 

Quest’anno abbiamo stanziato 15mila euro per tre settimane di attività, per garantire a circa 100 ragazze e ragazzi di partecipare ad iniziative educative che li riportino, passo dopo passo, a quella normalità negata per troppo tempo.

Le linee guida, approvate giovedì 4 giugno dalla giunta, vanno in questa direzione ma sempre nel rispetto di quelle norme e prescrizioni volte a minimizzare i rischi da contagio da Coronavirus.

Le associazioni che vorranno presentare la propria proposta progettuale dovranno però assicurare la partecipazione di almeno due minori diversamente abili alla settimana; garantire l’accesso prioritario a chi in precedenza non è riuscito ad usufruire della convenzione, prevista per quei nuclei familiari con un Isee pari o inferiore a 25mila euro; prevedere il pasto giornaliero con attività strutturate su sei ore. 

La convenzione tra il Comune di Monte Compatri e le associazioni avrà la durata di tre settimane: dal 29 giugno al 18 luglio 2020", spiega il sindaco Fabio D'Acuti.

 

I soggetti gestori privati con sede nel territorio Comunale di Monte Compatri che intendano aderire alla realizzazione di centri estivi devono: 
Presentare specifica domanda al Settore III Servizi Sociali del Comune di Monte Compatri presso l’URP via Placido Martini nr 24 entro e non oltre le ore 12,00 del 22.06.2020 allegando quanto segue:
1. Dichiarazione documentata della natura giuridica del richiedente, nonché il luogo dove verrà realizzato il centro estivo;
2. Redazione di un progetto dettagliato dell’attivazione del servizio e le modalità in cui vengono garantite tutte le condizioni di tutela dello stato di salute dei bambini e delle loro famiglie, nonché del personale educativo ed ausiliario coinvolto nello svolgimento delle diverse iniziative;
3. Descrizione delle attività proposte e le modalità di gestione delle stesse, nonché l’organizzazione degli spazi interni ed esterni, l’articolazione della giornata, il personale utilizzato (qualifica, orari e turnazione) e la composizione dei gruppi ludico ricreativi.


I soggetti gestori si impegnano altresì a:
· Garantire le appropriate modalità di intervento e di sostegno per l’accoglienza di almeno due bambini disabili certificati ai sensi della Legge 104/92
· Garantire la stesura e firma del “Patto di corresponsabilità tra Comune – Ente Gestore – personale e Genitori · Garantire e privilegiare le attività all’aperto;
· Garantire l’accesso al centro estivo a quei minori che hanno potuto usufruire di meno settimane;
· Garantire l’apertura del centro per 6 (sei) ore giornaliere, prevedendo anche il pasto;
· specificare il numero di bambini che il centro estivo può accogliere settimanalmente.
· Indicare la quota economica pro-capite settimanale per ogni bambino partecipante al centro di che trattasi;
· Adottare tutte le iniziative indicate nel DPCM e nelle disposizioni del Dipartimento per le Politiche della Famiglia – Linee guida per la gestione in sicurezza diopportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza COVID-19 emanate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
L’Amministrazione in ossequio alla Deliberazione di Giunta Comunale n 53 del 04.06.2020 si impegna a stanziare quale quota di compartecipazione a bambino un importo lordo di euro 50,00 per un massimo di 100 bambini a settimana.