Esplora contenuti correlati

 

FOIBE, SOLO GRAZIE ALLA CONOSCENZA DEI FATTI POSSIAMO COSTRUIRE UN FUTURO MIGLIORE

Nel 2005 gli italiani furono chiamati per la prima volta a celebrare il “Giorno del Ricordo”, in memoria degli Italiani torturati, assassinati e gettati nelle Foibe dalle milizie della Jugoslavia di Tito alla fine della seconda guerra mondiale. Le uccisioni di nostri connazionali furono almeno 20 mila. Gli esuli costretti a lasciare le loro case almeno 250 mila. Per troppi anni le vittime delle Foibe hanno dovuto subire anche l’oblio della memoria.

Oggi 10 Febbraio è il “Giorno del Ricordo”. Il giorno in cui si rinnova la memoria della tragedia degli italiani d’Istria, Dalmazia e Venezia Giulia. Una piaga nella nostra storia che nessuno può permettersi di dimenticare.

Non c'è niente di più triste e doloroso del dovere abbandonare la propria Terra. La terra che è stata quella dei Padri. Che un giorno sarebbe stata quella dei figli.

Ricordare e narrare, soprattutto ai giovani, la storia delle vittime Italiane è un obbligo morale per tutti. Solo grazie alla conoscenza dei fatti possiamo costruire un futuro migliore.

 
FOIBE, SOLO GRAZIE ALLA CONOSCENZA DEI FATTI POSSIAMO COSTRUIRE UN FUTURO MIGLIORE
 

.